Sangue senza Covid: le accortezze per donare in sicurezza

Il bisogno di sangue non si esaurisce mai: ogni giorno 1.800 persone necessitano di trasfusioni per poter sopravvivere. Per questo nonostante la pandemia l’AVIS, l’Associazione volontari italiani del sangue, invita i donatori a non far mancare il loro generoso apporto. E ricorda che donare sangue rientra tra le “situazioni di necessità” per le quali è consentito spostarsi anche in presenza di limitazioni alla circolazione delle persone per via del COVID-19.

Il donatore dovrà stampare e compilare l’autodichiarazione, nella quale inserire la specifica donazione di sangue ed emocomponenti’ e allegare, se disponibile, la conferma della prenotazione. Utile portare con sé anche il proprio tesserino associativo. Non ci sono evidenze scientifiche che dimostrino la trasmissione del coronavirus attraverso le trasfusioni di sangue ed emocomponenti.

Tuttavia le persone contagiate sono tenute a osservare un periodo di sospensione dalla donazione e quelle che si ammalano dopo una donazione a mettersi in contatto con la struttura.

È prevista la sospensione di 14 giorni:

• per tutti i donatori che abbiano viaggiato in paesi con elevata diffusione dell’epidemia, individuati di volta in volta dal Ministero della salute;

• per tutti quelli che siano stati esposti al rischio di contagio, entrando in contatto con una persona con infezione documentata da nuovo coronavirus (ma la sospensione è ridotta a 10 giorni se, al termine del 10 giorno, il donatore si sottoporrà a un tampone con esito negativo). 

Che fare se si è contagiati

Questi gli accorgimenti che un donatore deve prendere qualora sia stato contagiato dal coronavirus.

• Se positivo asintomatico dovrà rispettare i 10 giorni di isolamento fiduciario previsto e potrà donare il sangue solo se si sottoporrà, al termine di questo periodo, a un tampone che dia esito negativo;

• Se positivo sintomatico dovrà rispettare i 10 giorni di isolamento e potrà donare solo dopo aver effettuato un tampone con esito negativo, tre giorni dopo la risoluzione di tutti i sintomi con l’eccezione della perdita di olfatto e di perdita o alterazioni del gusto, che potrebbero durare più a lungo;

• Se positivo di lungo termine potrà donare solo dopo la risoluzione di tutti i sintomi e dopo essersi sottoposto a un tampone con esito negativo.

Resta sempre valida la raccomandazione di avvisare il medico responsabile della selezione donatori di tutti i viaggi e gli spostamenti, all’estero e nel territorio nazionale, e di avvisarlo di eventuali diagnosi di Covid  anche qualora i sintomi si fossero risolti da soli o a seguito di terapie.

Se ci si ammala dopo la donazione

A donazione avvenuta   in ogni caso importante che il donatore avverta la propria struttura di riferimento nei casi seguenti:

  • qualora gli venga diagnosticata l’infezione da Sars-CoV-2 nei 14 giorni successivi alla donazione;
  • qualora insorgano sintomi assimilabili a quelli del Covid_19 nei 14 giorni successivi alla donazione;
  • qualora nei 2 giorni precedenti la donazione, sia stato in contato con una persona a cui, dopo la stessa donazione, è stata diagnosticata l’infezione da Sars-CoV-2.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *